IL PUGILE di Reinhard Kleist (Bao Publishing)

ilpugile_copertinaDi Svamp

IL PUGILE si ispira alla biografia di Hertzko Haft, un ebreo polacco scampato ai campi di concentramento grazie alla boxe. Pare che la boxe fosse uno sport molto popolare tra gli ufficiali delle SS, i quali organizzavano incontri all’ultimo sangue tra i detenuti dei campi. Hertzko capisce che combattere può essere la sua ultima salvezza e vi si dedica con tutte le sue forze. Grazie alla protezione di un ufficiale riesce dunque a scappare e fuggire in America in cerca della sua amata. Qui continua la sua carriera come pugile diventando così famoso da sfidare il noto Roky Marciano. Passano gli anni, Hertzko si sposa e continua la sua vita fino a quando ritroverà la sua fidanzata, mai dimenticata, nelle ultime struggenti pagine.

La storia è narrata dal figlio di Hertzko che cerca una spiegazione al carattere irascibile del padre e al grande vuoto che c’è nella sua vita personale, prima di incontrare sua madre. La storia della deportazione gli è stata infatti raccontata solo nel 2003.

La maggior parte delle persone che si sono salvate dalla deportazione non riesce a parlarne, ma conserva gesti e atteggiamenti che ne tradiscono le violenze e i soprusi subiti.

Dal racconto di Hertzko emerge invece una grande umanità, anche e soprattutto quando ci svela che ha dovuto uccidere per sopravvivere; emerge inoltre un enorme rispetto per la vita, per l’amicizia e la famiglia, valori importanti e senza tempo. La lotta per la sopravvivenza e lo scontro faccia a faccia per il raggiungimento dei propri obiettivi sono perfettamente rappresentati dal pugilato. Kleinst però sembra voler evidenziare un altro aspetto importante di Hertzko: il non arrendersi davanti a nulla e andare sempre avanti. Anche quando la vita lo ha messo KO, lui si è rialzato, ha rimesso insieme i pezzi e se ne è ricostruita un’altra di vita – anche se non era quella che avrebbe voluto – e l’ha portata alla vittoria.

Il male inenarrabile viene qui rappresentato con poesia e umana compassione, e poi riscattato attraverso il battito vitale di un grande uomo.

I disegni sono perfettamente integrati con la storia: a tratti spigolosi quando la storia è più dura, ma dai lineamenti più fluidi quando la storia è più dolce.

Di Kleinst esistono anche le biografie a fumetti in italiano di Johnny Cash (CASH: I SEE THE DARKNESS) e Fidel Castro (CASTRO), che già lo hanno reso un noto narratore capace di rendere il protagonista dei suoi racconti “empatico” con il lettore.

IL PUGILE

Reinhard Kleist

Bao Publishing

pp. 200 – € 16,00