SE FOSSE PER SEMPRE di Tara Hudson (Nord)

sefosseDi Briseide

 

Non ho l’abitudine di giudicare un libro dalla copertina, ma quella di questo libro è davvero molto bella e invoglia anche i non amanti del genere a dare almeno una sbirciatina.

Se fosse per sempre è il romanzo d’esordio di Tara Hudson, bellissima scrittrice americana laureata in giurisprudenza che si distingue dagli altri autori del genere. La trama del romanzo infatti, non è affatto banale ed è un mix di romanticismo, suspence e paranormal, tutti ingredienti che lasciano ben sperare il lettore.

La storia vede come protagonista Amelia, una ragazza fantasma che, sebbene abbia perso tutti i sensi umani, nonché i ricordi, è intrappolata come in un limbo nel luogo in cui è morta. Ci si affeziona subito a lei perché, anche se è costretta a rivivere con frequenti incubi gli ultimi istanti della sua vita, ciò non le toglie la speranza e il coraggio di andare avanti senza deprimersi. A rompere questa routine, qui ritroverete l’analogia con la Sirenetta: è il salvataggio di Joshua, un ragazzo della sua stessa età che stava per fare la sua stessa fine. Tra i due è amore a prima vista: sarà proprio Joshua ad aiutare Amelia a scoprire qualcosa in più sulle dinamiche della sua morte, sul suo passato e a farle poi incontrare la madre; saranno le due doti particolari a suggellare ancora di più l’amore tra i due ed è forse per questo motivo che, sin dall’inizio, accetta la condizione di fantasma di Amelia.

Ben riuscita anche la caratterizzazione dei personaggi secondari che, come tutti i primi capitoli di una trilogia, lascia qualche punto in sospeso. In particolare emergono la nonna di Joshua, Ruth, una veggente in grado di avvertire la presenza dei defunti intrappolati sulla terra e intenzionata a rispedirli nell’aldilà (soprattutto Amelia, così vicina a suo nipote) e poi c’è Eli, un’affascinante rock star in erba, morto suicida prima di conoscere le luci della ribalta. Quest’ultimo, una sorta di Caronte fantasy, vuole la giovane Amelia accanto a lui nel ruolo di assistente e, malgrado cerchi di separare con ogni mezzo i due innamorati, il suo personaggio invece di suscitare antipatia, ruba sempre un sorriso al lettore.

La lettura scorre piacevole, lo stile semplice e coinvolgente non annoia affatto, anzi le succinte descrizioni sono prodromiche ai colpi di scena sapientemente inseriti nella narrazione. Certo qualche difettuccio sparso qua e là c’è (come il finale che potrebbe essere benissimo autoconclusivo), ma sono sicura che nei prossimi capitoli della trilogia i personaggi e la narrazione avranno un bel salto di qualità, poiché le premesse lasciano ben sperare!
Un giudizio tutto sommato positivo.

SE FOSSE PER SEMPRE

di Tara Hudson

Nord

pp. 368 – € 9,90