VAPORE NERO di Gianluca Malato (Dunwich Edizioni)

VaporeNerocoverLQDi FiloChan

Dunwich Edizioni ci regala ancora un ottimo volume, stavolta firmato da Gianluca Malato, contenente i racconti VAPORE NERO e IL SOGNO DI ICARUS.

Entrambi hanno un’ambientazione steampunk e per protagonisti dei giovani uomini guidati dall’idealismo.

In VAPORE NERO troviamo Alex Smith, ricercatore in fisica teorica che sogna di riuscire a creare un motore magnetico in grado di produrre energia pulita e a basso costo, così da porre fine all’impero del carbone e del vapore che da troppo tempo soffoca l’Inghilterra vittoriana con una persistente cappa scura e fuligginosa.

Con le sue ricerche innovative, Alex diventa un personaggio oltremodo scomodo per i magnati del vapore, ma anche decisamente utile per le imprese della concorrenza, nonché per la Corona Inglese che, perdendo il monopolio sulla produzione di energia, rischierebbe di cedere troppo potere alle aziende e ai cittadini privati. Queste tre realtà tramano per far fuori o, alternativamente, per proteggere Alex, il quale, essendo molto ingenuo e distratto, non si rende conto per molto tempo degli intrighi politici ed economici di cui è vittima.

Essendo inoltre largamente impacciato con le donne, stenta a capire le reali intenzioni e i sentimenti della ragazza irlandese dal passato sordido e dalla duplice vita di cui si è invaghito.

Giunto finalmente a conoscenza del quadro completo della situazione, il nostro eroe sarà costretto a prendere una decisione: si prodigherà a favore del popolo, si porrà al servizio della Regina Vittoria oppure opterà per il puro egoismo?

In questo romanzo breve la trama romantica e gli elementi di spy-story sono egregiamente valorizzati, mentre la tematica steampunk, rilevabile solamente grazie alla perenne cappa di “vapore nero” che avvolge tutta la narrazione, lascia i fan del filone un po’ delusi: i personaggi, ben caratterizzati, sembrano troppo emancipati per appartenere alla società vittoriana, inoltre la quasi totale assenza di descrizioni dell’ambientazione, degli abiti, delle usanze e dei marchingegni d’epoca rende difficile al lettore immaginare le vicende in un contesto appartenente a quasi due secoli fa.

Per il resto, la narrazione procede di buon passo con uno stile semplice e pulito, ponendo l’attenzione su temi di grande attualità. In particolare sul monopolio della produzione di energia, che si concatena anche alla difficoltà da parte dei giovani ricercatori nel portare avanti idee innovative, ostruiti dalla selva di interessi politico-economici e dalle fantozziane gerarchie aziendali.

IL SOGNO DI ICARUS si rifà al mito greco di Dedalo e Icaro, prima costruttori e poi prigionieri nel labirinto del Minotauro.

La storia si svolge in una realtà distopica, in cui l’unico mondo conosciuto è costituito dal Dedalo, un ampio labirinto in muratura suddiviso in settori concentrici in base al rango sociale di chi li abita, con i quartieri altolocati al centro e le miniere di carbone nel cerchio più esterno.

Il protagonista è Icarus, giovane venditore di carbone che sogna di fuggire via dal Dedalo per scoprire cosa potrebbe esserci all’esterno, nonostante tutti credano che vi si possa trovare solo morte e desolazione.

Durante la consueta passeggiata con Maya, sua amica di infanzia – o forse anche di più – Icarus viene a conoscenza di un modo estremamente pericoloso per oltrepassare le alte mura che delimitano il labirinto e… indovinate cosa farà?

Questo racconto è decisamente più curato rispetto al primo, sia nello stile che nella caratterizzazione dei ruoli come nelle descrizioni. L’irrefrenabile voglia di conoscenza, le ostruzioni poste dall’ignoranza e dalla paura e la nascita di un amore sono i temi portanti in grado di lasciare seri spunti di riflessione, soprattutto nel finale.

Indubbiamente un’ottima lettura, scorrevole, piacevole e capace di suscitare empatia.

VAPORE NERO

Gianluca Malato

Dunwich Edizioni

pp. 144 – € 2,99